1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

I petroliferi e le banche sostengono l’S&P

QUOTAZIONI Saipem
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

In recupero sull’S&P/Mib i titoli del comparto petrolifero, Eni (+0,97%) e Saipem (+3,11%), che, dopo la debolezza della scorsa settimana, hanno ripreso con decisione la via dei rialzi, agevolati dalla ripresa di tono delle quotazioni del greggio sul mercato delle materie prime londinese. Le aspettative legate alla fase di consolidamento delle banche italiane ha spinto al rialzo ancora una volta Capitalia (+2,76%) e Mediobanca (+4,31%), che restano saldamente al centro della speculazione finaziaria. In particolare, per quanto concerne l’istituto romano presieduto da Cesare Geronzi, è stata ventilata con insistenza la possibilità di un matrimonio con Intesa. Quest’ultima infatti sarebbe alla ricerca di un partner e pare che in pole position ci sia proprio la banca guidata da Matteo Arpe. Ordini di acquisto su Luxottica Group (+2,26%), complice il doppio upgrade giunto dagli analisti di Merrill Lynch, che hanno alzato la raccomandazione a “buy” da “neutral” e il target price, portandolo da 22 a 26 euro per azione. La maglia nera di peggiore performer delle blue chip è andata invece ad Autostrade (-1,54%). Nel corso della conference call con gli analisti, il direttore finanziario del gruppo autostradale, Luca Bettonte, ha dichiarato che per i prossimi anni dovrebbe essere ragionevole un payout nell’ordine del 40-50%. Tra le azioni peggiori dell’S&P anche Rcs MediaGroup e FastWeb, entrambe però con una perdita inferiore al punto percentuale. Dopo una mattinata scoppiettante, invece, Fiat ha chiuso senza infamia e senza lode (+0,26%). A riguardo, pur confermando la raccomandazione “underweight”, gli analisti di Morgan Stanley hanno deciso di alzare le stime per il 2006 della divisione Auto, portando l’utile operativo a 335 milioni dalla precedente indicazione a quota 138 milioni e anche le stime di utile per azione 2006 e 2007 rispettivamente a 0,70 da 0,55 euro e a 0,85 euro da 0,70 euro.