Pc sempre più in difficoltà sotto il peso di tablet e smartphone. Microsoft che direzione intende prendere?

Inviato da Daniela La Cava il Gio, 11/04/2013 - 12:01
Quotazione: MICROSOFT CORPORATION

 

La concorrenza sempre più agguerrita di tablet e smartphone sta mettendo in ginocchio il comparto dei pc a livello globale. Un settore già in caduta libera come confermano i dati diffusi oggi da due tra le maggiori società di ricerca a livello tecnologico: Idc e Gartner. E proprio il deterioramento del mercato dei computer è una delle cause principali che ha spinto oggi Goldman Sachs a consigliare la vendita del titolo Microsoft.

 

Caduta storica delle vendite a livello globale di pc

 

Storico crollo per le vendite globali di pc nel primo trimestre del 2013. Secondo i dati diffusi dall'International Data Corporation (Idc) i primi mesi dell'anno sono iniziati con una flessione delle vendite pari a quasi il 14% a 76,3 milioni di unità rispetto all'analogo trimestre 2012. Una cifra che rappresenta la maggiore contrazione mai registrata negli ultimi 20 anni. Nonostante un lieve miglioramento dello scenario economico e il lancio di alcuni modelli con il nuovo Windows 8, il mercato paga l'agguerrita concorrenza di tablet e smartphone, che continuano a "dirottare la spesa dei consumatori", e le operazioni di ristrutturazione di colossi come HP e Dell.

"Sebbene questo calo non sia una sorpresa, l'entità della contrazione è sorprendente e al tempo stesso preoccupante", ha dichiarato David Daoud, analista di Idc, secondo il quale si tratta del maggiore calo mai registrato dal 1994, anno in cui la società ha iniziato la diffusione di dati trimestrali sulle vendite di computer.

 

Sulla stessa lunghezza d'onda i dati preliminari di Gartner, secondo cui nel primo trimestre del 2013 le vendite mondiali di computer hanno raggiunto quota 79,2 milioni di unità, registrando una marcata contrazione dell'11,2% rispetto all'analogo periodo nel 2012. Per la prima volta dal secondo trimestre 2009 le vendite finiscono sotto quota 80 milioni di pezzi. "I consumatori stanno migrando verso nuovi device, come tablet e smartphone - commenta Mikako Kitagawa, analista di Gartner - Anche i mercati emergenti, dove la penetrazione di pc è bassa, non dovrebbero rappresentare una zona di forte crescita per i produttori di pc". HP mantiene la leadership, ma ha registrato nel primo trimestre una flessione delle vendite pari a -23,6. Seconda e terza posizione rispettivamente per Lenovo e Dell.

 

In questo scenario a tinte fosche gli specialisti di Idc hanno puntato il dito contro Windows 8, il nuovo sistema operativo di Microsoft. Quest'ultimo non solo non avrebbe fornito una slancio positivo alla ripresa dell'intero settore, ma sembra addirittura avere acuito il fenomeno. E il deterioramento del mercato del pc ha spinto Goldman Sachs a bocciare il titolo Microsoft la cui raccomandazione è scesa a sell dal precedente neutral, con un target price in discesa a 27 da 30 dollari. A pesare, ammettono gli esperti della banca americana, "il peggioramento dei trend nel mercato dei pc e la mancanza di trazione nel segmento dei tablet e degli smartphone". Secondo il broker statunitense ci sono pochi elementi che sosterranno i profitti: nel breve termine non è atteso un eventuale e significativo cambio di strategia significativi visto che il lancio delle nuove versioni del Windows 8 è recente.

 

Microsoft: allo studio lancio tablet Surface da 7 pollici

 

Microsoft prova intanto a non perdere terreno sulla strada dei tablet. Stando a quanto riportato dal Wall Street Journal il big di Redmond sarebbe pronto ad avviare già quest'anno la produzione di una nuova versione del tablet Surface da 7 pollici in grado di dare del filo da torcere ai big del settore. Di recente il direttore finanziario di Microsoft, Peter Klein, ha lasciato intendere che stanno lavorando al Surface Mini, senza tuttavia fornire dei dettagli maggiori.


COMMENTA LA NOTIZIA