Partenza di 2014 spedita per Piazza Affari trainata da Fiat, spread ai nuovi minimi

Inviato da Titta Ferraro il Gio, 02/01/2014 - 09:45
Quotazione: YOOX
Quotazione: FCA CHRYSLER
Quotazione: EXOR
Piazza Affari si affaccia al nuovo anno con subito una buona verve sostenuta dal poderoso rally di Fiat a seguito dell'accordo con Veba per salire al 100% di Chrysler. L'indice Ftse Mib segna nella prima ora di contrattazioni un balzo di circa 1 punto percentuale riportandosi di slancio sopra la soglia dei 19mila punti. L'indice guida milanese ha archiviato il 2013 con un saldo decisamente positivo (+16% circa per il Ftse Mib) con la capitalizzazione complessiva delle società quotate a Milano che si è attestata a 438,2 miliardi di euro, in rialzo del 19,9% rispetto al 2012. 
Buone notizie anche sul fronte spread. Il differenziale di rendimento tra Btp decennale e Bund è sceso sotto la soglia dei 210 punti base, sui nuovi minimi dal luglio 2011.  

Fiat guida le danze sul Ftse Mib dopo accordo con Veba per salire al 100% in Chrysler
A fare la voce grossa nella prima seduta dell'anno è Fiat con un balzo a doppia cifra (+12,87% a 6,71 euro) dopo un'iniziale sospensione per eccesso di rialzo. Nella serata di ieri il gruppo torinese ha reso noto che è stato raggiunto l'accordo per salire al 100% di Chrysler. Al fondo Veba andranno 3,65 mld di dollari per la propria quota del 41,65% (1,75 mld cash e 1,9 mld tramite il dividendo straordinario che verrà distribuito da Chrysler). Esborso per Fiat inferiore alle attese e che in buona parte sarà pagato attraverso Chrysler senza la necessità di ricorrere a un aumento di capitale. 
Subito dietro Fiat sul Ftse Mib spicca il rally di un altro titolo della galassia Agnelli, Exor infatti sale del 5,85% a 30,6 euro. 

E' ancora Yoox mania, acquisti anche su Atlantia dopo scatto aumento tariffe autostradali 
Tra gli altri testimonial del listino milanese si mette in luce ancora una volta Yoox. Il titolo entrato a far parte del Ftse Mib lo scorso 23 dicembre segna oggi un +4,54% dopo aver archiviato il 2013 segnando la miglior performance assoluta a Milano con un +175%. 
Acquisti in avvio di giornata anche sul titolo Atlantia che fa segnare un progresso di oltre l'1% a quota 16,48 euro. A sostenere il titolo della società che controlla Autostrade per l'Italia è lo scatto delle nuove tariffe autostradali. Da ieri decorrono infatti gli adeguamenti tariffari per l'anno 2014 delle concessionarie italiane del gruppo, in particolare l'adeguamento tariffario di competenza di Autostrade per l'Italia è pari a 4,43%.


TAG:
COMMENTA LA NOTIZIA