1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Parmalat, stop al maxi-processo per il crac di Parmalat

QUOTAZIONI Parmalat
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il Tribunale di Parma dice no – almeno per ora – al maxi-processo per il crac di Parmalat. Il Giudice per l’udienza preliminare Domenico Truppa ha respinto l’istanza della difesa di Calisto Tanzi che chiedeva la riunificazione dei procedimenti relativi Parmatour e alle acque minerali Ciappazzi con il filone principale dell’inchiesta. La decisione secondo l’ordinanza “non determina un ritardo bnsì semplifica e accelera la tempistica dei processi”. Il troncone principale delle indagini, relativo a 63 imputati tra cui i Tanzi, i manager e i revisori del gruppo ripartirà dopo l’udienza preliminare. Un’accelerazione più decisa potrebbe prenderla il processo Ciappazzi, che vede coinvolti il presidente di Capitalia Cesare Geronzi e altri sette manager della banca con l’accusa di bancarotta fraudolenta e usura. Questo proicedimento può, secondo la Procura, andare avanti per la propria strada e potrebbe essere il primo capitolo della vicenda Parmalat ad andare a conclusione. Il no all’accorpamento non è piaciuto alla difesa dei Tanzi che puntava a portare nello stesso processo il numero uno di Parmalat e i vertici degli istituti di credito bancari italiani ed esteri coinvolti nella vicenda.