1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Parmalat, no dei giudici di Milano ai patteggiamenti

QUOTAZIONI Parmalat
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il Tribunale di Milano dice no ai patteggiamenti per il crac di Parmalat. I giudici hanno dichiarato inammissibili le richieste avanzate nell’ultima seduta da dieci imputati, tra cui l’ex patron Calisto Tanzi. Soddisfatti i legali delle parti civili e i consumatori. Il processo milanese su Parmalat riprenderà quindi il 9 giugno con le audizioni dei consulenti di parte. E se non ci saranno intoppi, alla fine dell’estate la prima tappa dell’iter giudiziario potrebbe arrivare al traguardo. Una tempistica comunque imbarazzante a confronto con l’iter dei processi per gli scandali americani, che sono già chiusi con pesanti pene. Invece nel capoluogo emiliano il Tribunale ha già dato l’ok a una ventina di patteggiamenti tra cui quelli di Stefano e Francesca Tanzi, figli di Calisto, che hanno concordato rispettivamente quattro anni e dieci mesi e tre anni e sei mesi.