Parmalat: Euromobiliare alza il target price, migliora visibilità revocatorie in corso

Inviato da Micaela Osella il Mar, 02/01/2007 - 09:54
Buone notizie da Parma. Parmalat ha raggiunto un accordo con Bnl, la quale pagherà 103 milioni di euro per chiudere le revocatorie e 9 milioni di euro per chiudere le cause per danni che coinvolgevano la controllata Ifitalia, attiva nel factoring. Tale somma - spiegano gli analisti di Euromobiliare nella nota uscita oggi e raccolta da Finanza.com - corrisponde al 35% di recovery sulle revocatorie, contro il 15% da noi incorporato. Secondo i calcoli del broker la transazione in sè ha un impatto positivo dell'1%. Tanto che gli esperti alzano il recovery ratio sulle revocatorie dal 15% al 25%, senza tuttavia spingersi al 35% "in quanto il caso BNL ci sembra in parte spiegato dal particolare coinvolgimento di Ifitalia nelle cause danni". Dal punto di vista della valutazione il target price sale del 12% da 3,3 euro a 3,7 euro. "Questo accordo - riprendono ancora gli analisti - può aggiungere momentum al titolo ma dall'altro lato si riapre l'incertezza nelle cause danni negli Stati Uniti". Ma dato che la prudenza non è mai troppa ad Euromobiliare confermano la raccomandazione hold su Parmalat.
COMMENTA LA NOTIZIA