Parmalat, carte in regola per una nuova accelerazione

Inviato da Riccardo Designori il Gio, 31/03/2011 - 11:37
Quotazione: PARMALAT
Dopo una partenza stentata nonostante le indiscrezioni di stampa circa un possibile lancio di un'Opa da parte di una cordata italiana sul 60% del capitale ancora non vincolato, Parmalat ha intrapreso ora con decisione la strada del rialzo. A favorire questa visione, oltre alle scelte di carattere strategico che ruotano intorno al destino della società, vi sono anche elementi di carattere grafico. In particolar modo le azioni del gruppo di Collecchio, dopo la flessione patita dai top di periodo dello scorso 17 marzo a 2,73 euro, hanno infatti ulteriormente testato nei giorni scorsi la solidità dei supporti statici di area 2,33 euro venendo prontamente respinte. Quello compiuto rappresenta il secondo test del livello dopo quello effettuato a cavallo tra il 22 e il 24 marzo: successivamente si assistì ad una gamba rialzista culminata con i top a 2,416 euro. Lo svolgimento grafico sul grafico daily appare come un doppio minimo in costruzione, figura che di fatto consentirebbe a Parmalat di riportarsi in area 2,60. In questo caso si avrebbe un naturale test dei top di periodo menzionati in precedenza, seppur senza arrivare al massimo assoluto di 2,73 euro. Spostando l'analisi sul chart a 30 minuti si nota come il livello resistenziale da monitorare con particolare attenzione sia quello di 2,372 euro: un suo superamento imprimerebbe l'accelerazione necessaria al completamento del doppio minimo in costruzione e la prosecuzione dell'up trend. Partendo da tali considerazioni la strategia long con acquisti a 2,375 euro prevede lo stop al cedimento di 2,26 euro mentre ha come target intermedio 2,484 euro e finale a 2,57 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA