Pagamenti Pa/Ance: bene stop a decreto, no vincoli per sblocco

Inviato da Daniela La Cava il Mer, 03/04/2013 - 15:49
L'Associazione nazionale dei costruttori edili (Ance) accoglie positivamente la pausa di riflessione presa dal Governo sul decreto per lo sblocco dei pagamenti della pubblica amministrazione. "L'emanazione del decreto pagamenti che il Consiglio dei ministri si appresta a varare può rappresentare un importante primo passo per saldare i debiti con le imprese, ma bisogna evitare di introdurre nuovi vincoli e sanzioni che rischiano di compromettere i risultati attesi". Così il presidente dell'Ance, Paolo Buzzetti, allarmato per alcune anticipazioni relative alle misure che sarebbero all'esame del Governo. Inaccettabile secondo i costruttori, che insieme ai sindaci dell'Anci sono i promotori della battaglia per il pagamento dei debiti della Pa verso le imprese, è soprattutto la norma che prevede l'impossibilità per gli enti autorizzati a pagare le imprese, di realizzare nuovi investimenti per i successivi 5 anni. Inoltre secondo Buzzetti, appare incomprensibile la norma che autorizza gli enti locali virtuosi a pagare solo 5 degli 11 miliardi in cassa. Così come "desta sconcerto il fatto che per il 2014 siano previsti zero pagamenti per spese in conto capitale e quindi per investimenti". "Ci vuole più coraggio da parte dell'Italia che deve varare misure efficaci per rimettere in moto l'economia e promuovere lo sviluppo, come ribadisce anche Bruxelles e in particolare il vicepresidente Tajani".
COMMENTA LA NOTIZIA