Padoan: margini più stretti per governo, debito su sentiero compatibile con parametri Ue

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 17/07/2014 - 09:50
I recenti dati macroeconomici indicano un ritardo per il ritorno alla crescita e questo comporta margini più stretti per il governo. Tuttavia, questo non dovrà limitare una decisa azione di riforma da parte dell'esecutivo. E' quanto affermato dal ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, durante un'informativa alla Camera dei Deputati.

Padoan ha sottolineato che il governo è determinato a preservare l'azione intrapresa di consolidamento dei conti e attenzione alla crescita. Il responsabile di via XX settembre ha inoltre spiegato che lo scenario è in linea con la riduzione del debito e che l'Italia è su un sentiero compatibile con i parametri europei, il Def a settembre lo confermerà.

Padoan ha voluto precisare che non esistono scorciatoie per la crescita e l'Italia in Europa e il Governo per il Paese indicano tre pilastri: più apertura di mercato, riforme strutturali, più investimenti per la crescita. Per quanto riguarda il taglio del cuneo fiscale, Padoan ha annunciato che sarà reso permanente con la legge di stabilità.
COMMENTA LA NOTIZIA