1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

L’ottava in Europa si chiude con il segno più, tonfo per Hugo Boss dopo il profit warning

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le borse europee terminano l’ottava con il segno più spinte dalle indicazioni in arrivo dai numeri trimestrali. Il listino spagnolo, l’Ibex, ha chiuso in rialzo dell’1,28% a 10.231,5 punti mentre il Ftse100 è salito dello 0,62% a 6.378,04. Andamento simile per Cac40 che si è fermato a 4.702,79 (+0,59%) e +0,39% del Dax a 10.104,43. A Parigi spicca il +6,60% di Carrefour che nel terzo trimestre ha registrato un’accelerazione delle vendite in scia del buon andamento in Europa meridionale mentre Nestle (-1,86%) e Hugo Boss (-11,07%) hanno pagato pegno ai rispettivi warning. -0,81% per Rio Tinto che ha annunciato un andamento in linea con il raggiungimento dei target 2015.

Tra i dati arrivati dal fronte macro si segnala il ritorno dell’inflazione europea in territorio negativo a settembre (-0,1% a/a), un’indicazione particolarmente importante in vista della riunione della Banca centrale europea della prossima settimana, e l’indice relativo la bilancia commerciale che ha visto il surplus scendere da 22,4 a 19,8 miliardi di euro. Per quanto riguarda i dati statunitensi, meglio del previsto l’indice preliminare sulla fiducia dei consumatori misurata dall’Università del Michigan (92,1 punti), in linea con le stime la produzione industriale (-0,2% m/m) e indicazioni deludenti sono arrivate dallo Jolts (Job openings and labor turnover summary), sceso dal livello record di 5,67 milioni a a 5,37 milioni di unità.