1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

L’ottava di Wall Street si chiude con il segno più, nuovo tonfo di Facebook

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Chiusura di seduta in territorio positivo per i listini statunitensi nel gran giorno dell’intervento del n.1 della Fed da Jackson Hole. Nonostante Bernanke non abbia annunciato nuove misure di stimolo, le piazze finanziarie sono state spinte al rialzo dalla convinzione che, alla luce delle difficolta della prima economia, l’approvazione di una nuova fase di allentamento quantitativo è ormai inevitabile. Appuntamento quindi con la prossima riunione del Federal Open Market Committee, il braccio armato della Fed, che già nel meeting del 12-13 settembre potrebbe decidere di approvare, nonostante la contrarietà di diversi esponenti, il tanto atteso Quantitative Easing 3. Il Dow Jones ha chiuso l’ultima seduta dell’ottava con un rialzo dello 0,69% a 13.090,84 punti, +0,51% per lo S&P che si porta a 1.406,58 e +0,6% del Nasdaq che sale a 3.066,96 punti.

Per quanto riguarda gli aggiornamenti macro, meglio del previsto il dato definitivo relativo la fiducia dei consumatori statunitensi misurata dall’Università del Michigan, salita di due punti ad agosto a 74,3 punti, e l’indice che misura l’andamento degli ordini alle imprese che a luglio ha messo a segno un +2,8% mensile (consenso +1% m/m). Sotto le stime invece il Pmi Chicago, passato da 53,7 a 53 punti. Nel comparto societario spiccano i titoli legati alle quotazioni dell’oro, salito ai massimi dallo scorso marzo in quota 1.690 dollari l’oncia. Newmont ha chiuso con un +4,39%, Barrick ha messo a segno un +3,86% e Goldcorp è avanzata del +4,08%. In evidenza anche Facebook (-5,4% a 18,06$) che ha aggiornato il minimo storico a 18,03 dollari nel giorno in cui la società di ricerca eMarketer ha ridotto le proprie aspettative sulla crescita del fatturato del social network fondato da Mark Zuckerberg.