1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Ortis: separazione reti dalla produzione giusta e necessaria

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Un’ulteriore fase di liberalizzazione del mercato dell’energia è giusta e necessaria. Alessandro Ortis, presidente dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas, commenta con favore le proposte della Commissione Ue per il completamento della liberalizzazione e del mercato interno dell’energia con la separazione delle reti dalla produzione. “E’ evidente – sostiene Ortis in un’intervista al Corriere della Sera – che oggi l’Europa sia in bilico fra il desiderio di ritorno a protezionismi del passato e un nuovo slancio verso il mercato unico, che superi la logica di quelli nazionali dell’energia chiusi, affidati ai monopolisti pubblici. Si dovrebbe evitare di ragionare in termini di dominanti nazionali meglio pensare a campioni europei”. In Italia, sul fronte elettrico la separazione è già realtà con Terna, mentre per il gas esiste già una legge che prevede la separazione proprietaria di Snam Rete Gas da Eni. “Opporsi a questo percorso ed attardarsi in una strenua difesa di privilegi da obsoleti monopoli può essere forse di interesse aziendale, ma è contro l’interesse dei consumatori”, ha concluso Ortis.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ASTA BOND

Italia: Tesoro, lunedì prossimo in asta Bot semestrali per 6 miliardi

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato che nell’asta in calendario lunedì 29 maggio saranno offerti Buoni ordinari del tesoro a 6 mesi per 6 miliardi di euro. Il 31 maggio scadranno Bot di pari scadenza per un importo equivalente.

Ferragamo: titolo maglia nera sul Ftse Mib, cede circa il 5%

Salvatore Ferragamo indossa la maglia nera sull’indice Ftse Mib, dove mostra un ribasso di circa 5 punti percentuali a 26,87 euro, complice il declassamento della Cina deciso da Moody’s. L’agenzia Usa ha tagliato, per la prima volta dal 1989, il rati…

Euribor: tre mesi fissato a -0,329%

Il tasso Euribor a tre mesi è stato fissato questa mattina a -0,329%, in frazionale rialzo rispetto al fixing di ieri che era pari a -0,330 per cento. …