Oro: tensioni geopolitiche tornano a spingere i prezzi

Inviato da Luca Fiore il Lun, 14/04/2014 - 16:45
"Più esplosiva che mai". Così è stata definita la situazione in Ucraina dal vice segretario generale dell'Onu per gli affari politici, Oscar Fernandez Taranco. A capitalizzare le tensioni geopolitiche ci sta pensando il bene rifugio per eccellenza, l'oro, che nel corso della prima parte al Comex si è spinto ai massimi da tre settimane a 1.330,8 dollari.

Nell'ultima settimana, secondo le statistiche diffuse da Bloomberg, l'oro detenuto dagli Etp ha registrato il quarto calo consecutivo scendendo di 5,7 a 1.745 tonnellate.

Nella settimana all'8 aprile invece, hedge fund e speculatori hanno ridotto le posizioni rialziste nette (differenza tra contratti "rialzisti" e "ribassisti") del 7,4% a 98.492 unità (fonte: Commodity futures trading commission).


TAG:
COMMENTA LA NOTIZIA