Oro: tensioni geopolitiche non scaldano i prezzi

Inviato da Luca Fiore il Lun, 28/04/2014 - 16:39
Inizio di ottava con il segno meno per le quotazioni del metallo giallo. Dopo i guadagni innescati della scorsa settimana, la nuova ottava, nonostante l'inasprimento delle sanzioni alla Russia, inizia all'insegna della prudenza e dopo tre sedute positive il future con consegna giugno segna un rosso di mezzo punto percentuale a 1.293,2 dollari l'oncia.

Gli ultimi dati diffuse dalla statunitense Commodity futures trading commission (Cftc) hanno evidenziato che nella settimana al 22 aprile le posizioni nette lunghe, la differenza tra contratti rialzisti e ribassisti, hanno interrotto una serie negativa che andava avanti da un mese registrando un incremento dello 0,5% a 90.572 contratti.
COMMENTA LA NOTIZIA