1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Oro: si placa subito l’effetto shutdown, toccati minimi da agosto a 1.284,5 $

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Oro estende ribassi, toccato minimo a 1.284,5 dollari l’oncia
Brusca accelerazione al ribasso per le quotazioni dell’oro. Dopo una prima parte di giornata con prezzi in rialzo in scia al concretizzarsi del primo shutdown dal 1997 per gli Stati Uniti, il metallo giallo ha imboccato la via dei ribassi. Il prezzo spot dell’oro è sceso fino a un minimo a 1.284,5 dollari l’oncia, livello più basso dallo scorso 8 agosto, per poi risalire in area 1.295 dollari. L’oro è reduce da un mese di settembre decisamente negativo con quotazioni in calo di quasi 5 punti percentuali.
Oltre allo shutdown scattato oggi, oltreoceano si profila all’orizzonte anche la controversia relativa l’innalzamento del tetto del debito, oggi fermo a 16.700 miliardi di dollari, che dovrà essere risolta entro il prossimo 17 ottobre. “Un default tecnico sul debito degli Stati Uniti potrebbe causare un colpo significativo per il sistema finanziario globale – commenta Russ Koesterich, global chief investment strategist di BlackRock – causando quasi certamente un brusco pullback delle azioni, in particolare Wall Street, e sarebbe negativo anche per il reddito fisso. L’unica asset class che potrebbe trarre beneficio da una violazione del tetto del debito sarebbe oro”.