1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Oro: segno meno al Comex, focus sui dati in calendario venerdì

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Prese di beneficio sull’oro dopo l’aggiornamento sopra le stime sull’andamento del mercato del lavoro statunitense. -0,58% al Comex per un’oncia del metallo giallo che passa di mano a 1.364,7 dollari dopo che l’aggiornamento sulle nuove buste paga del settore privato statunitense elaborato dalla società ADP ha registrato un saldo positivo per 179 mila unità, contro le 170 mila del consenso.

Il saldo delle ultime cinque sedute è positivo per oltre 2 punti percentuali mentre a tre mesi si registra un +5,1%. Ieri i prezzi hanno chiuso a 1.372,6 dollari, il livello maggiore da oltre due anni.

A questo punto i riflettori degli operatori sono rivolti ai dati su tasso di disoccupazione e saldo delle buste paga nei settori non agricoli che saranno diffusi venerdì dal Dipartimento del lavoro.

“Oro e argento faranno registrare un balzo solo in caso di un risultato (delle non-farm payrolls, ndr) inferiore alle 120 mila unità”, ha commentato Chintan Karnani, chief market analyst di Insignia Consultants. Al momento il consenso è di un incremento di 180 mila unità. “Al contrario, un risultato sopra quota 210 mila è destinato ad incrementare le pressioni ribassiste”.