1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Oro: seduta negativa per il metallo giallo, analisti cauti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Seduta con il segno meno per il metallo giallo. Rosso di oltre un punto percentuale per il future con consegna aprile sull’oro, che dopo i massimi da fine ottobre fa segnare un calo a 1.328 dollari l’oncia. Nell’ultimo mese i prezzi sono cresciuti di cinque punti percentuali mentre il saldo da inizio anno evidenzia un incremento di oltre il 10%, una delle migliori performance all’interno del comparto delle materie prime.

“Il peggio potrebbe esser passato e nel 2014 potrebbero emergere importanti opportunità di ingresso”, ha rilevato ieri in un report Bank of America Merrill Lynch. Questo perché c’è stato un cambio nelle preferenze degli investitori, evidente “dalle posizioni nette lunghe al Cme e dal calo dei deflussi dagli Etf”. BofA stima che nell’anno corrente il prezzo medio si attesterà a 1.150 dollari mentre l’anno prossimo dovremmo assistere a una risalita a 1.256 dollari l’oncia.

Secondo Dominic Schnider di Ubs, intervenuto nel corso della trasmissione “Squawk Box” della Cnbc, il rally è destinato a finire e l’oro farà segnare nel 2014 un calo a doppia cifra. “Parte degli acquisti cui abbiamo assistito recentemente sono guidati più dal ‘momentum’ che dai fondamentali”, ha detto l’analista. Su queste basi, “assisteremo a cali a doppia cifra dei metalli preziosi nel 2014”.