Oro: il rafforzamento del dollaro penalizza i prezzi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ancora segno meno per le quotazioni dell’oro. Le tensioni in arrivo da Madrid stanno favorendo l’apprezzamento del dollaro e penalizzando quelle del metallo giallo, il cui prezzo viaggia in controtendenza rispetto al greenback. Il derivato con consegna maggio quotato al Comex in questo momento segna un rosso di 5,8 dollari attestandosi a 1.657,4 dollari l’oncia. I prezzi nell’ultimo mese hanno perso oltre 7 punti percentuali. Il dollar index, l’indice che misura l’andamento del biglietto verde contro un basket di sei valute, nella seduta odierna mette a segno un +0,15% a 79,45 punti mentre il saldo dell’ultimo mese evidenzia un rialzo di un punto e mezzo percentuale.

Intanto in India, il primo acquirente mondiale di oro, continua lo sciopero dei gioiellieri che protestano contro le recenti misure governative. L´esecutivo di New Delhi nelle ultime settimane ha decretato il secondo incremento da inizio anno della tassa sulle importazioni ed imposto una nuova tassa dell’1% sui gioielli non brandizzati.