Opel: governi europei scettici sul piano Magna, tensione sul nodo pensioni

Inviato da Valeria Panigada il Mar, 16/06/2009 - 08:19
Sempre più incertezza e scetticismo sull'operazione Opel-Magna. Ieri il commissario europeo all'Industria, Gunter Verheugen ha dichiarato al quotidiano Die Welt che il piano del gruppo austro-canadese deve essere riesaminato "da cima a fondo" a Bruxelles. Gli fa eco il goevrno britannico. Il ministro Peter Mandelson desidera che i negoziati avvengano con tutti i governi europei, dal momento che nella vicenda Opel sono coinvolte anche le fabbriche Vauxhall in Gran Bretagna. Ma non solo. Nuovi dubbi si sono alzati sulla questione pensioni. Magna avrebbe chiesto alla Psv, associazione che assicura le pensioni, di farsi carico di una parte degli obblighi verso 70mila dipendenti di Opel. La cifra si aggirerebbe intorno ai 4 miliardi di euro.
COMMENTA LA NOTIZIA