1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

L’Opa di Microsoft dà la scossa al mercato

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’opa di Microsoft su Yahoo! ha risvegliato Piazza Affari dove i tecnologici prendono la rincorsa. Se Fastweb balza di oltre cinque percentuali, scambiando a 22,29 euro e Seat sale del 5,3% a 0,2318, fa ancora meglio Tiscali che segna un progresso del 6,1% a 1,464 euro. Il colosso americano di Bill Gates e il motore di ricerca hanno lanciato il guanto di sfida a Google nel campo della pubblicità online. Ed è stata subito festa sui mercati azionari.

 

Promuovendo un’offerta di quelle a cui non si può dire di no – da circa 44,6 miliardi di dollari – sul famoso portale americano web Microsoft ha infatti intenzione di scardinare il mercato della adv online, dominato fino ad oggi da un solo attore. Senza contare che il settore della pubblicità web è una riserva di caccia molto ambita: sta crescendo molto velocemente e gli esperti concordano nel ritenere che questo mercato lieviterà passando dagli oltre 40 miliardi di dollari nel 2007 a circa 80 miliardi nel 2010.

“L’industria – spiega Kevin Johnson, presidente della divisione Platforms & Services di Microsoft – sarà servita in modo migliore con più valore e più scelta a pubblicitari, editori e clienti”. Secondo alcuni analisti interpellati da Finanza.com l’operazione è senza dubbio positiva in questa fase di mercato condizionata dai timori di una recessione americana e del conseguente rallentamento delle economie in Europa. “L’annuncio del deal non ha dato slancio solo ai titoli tecnologici ma a tutto il mercato”, spiega un esperto di una primaria banca d’affari che preferisce mantenere l’anonimato. Il motivo è scritto nei multipli.


Con una transazione valutabile in circa 44,6 miliardi di dollari, pari a 31 dollari per azione, in cash e in titoli il premio offerto si attesta a +62% rispetto alla chiusura di ieri. “La valorizzazione generosa dà fiducia: Microsoft lanciando un’opa da 44,6 miliardi di dollari su Yahoo! ha valorizzato il colosso del web 9 volte le vendite nel 2007, 23 volte l’Ebitda 2007 e addirittura 63 volte gli utili 2007”, segnalano alcuni analisti. “Sono senza ombra dubbio numeri che rappresentano una sorpresa positiva e che vengono interpretati come un segnale di buone aspettative”, conclude un esperto.


Micaela Osella