1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Opa Ansaldo Sts: prezzo sale a 9,899 euro, Consob accerta collusione tra Hitachi e Finmeccanica

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
La Consob dà ragione agli azionisti di minoranza di Ansaldo STS rivedendo al rialzo il prezzo dell’offerta pubblica di acquisto (Opa) promossa da Hitachi su Ansaldo Sts. L’authority di vigilanza ha alzato ha rideterminato il prezzo dell’Opa a 9,899 euro, alzandolo di 0,399 euro dopo aver accertato l’esistenza di una collusione fra Hitachi e Finmeccanica, volta a riconoscere al venditore (Finmeccanica) un corrispettivo più elevato rispetto a quello dichiarato dall’offerente (Hitachi). 

La Consob ha prorogato di due settimane il periodo d’offerta che quindi terminerà venerdì 19 febbraio rispetto al 5 febbraio originariamente previsto. 

Nell’ambito dell’istruttoria avviata su istanza di due azionisti di minoranza, l’istituto guidato da Giuseppe Vegas ha accertato, con riferimento ad un’operazione avente carattere unitario che ha portato il venditore, Finmeccanica Spa, a cedere al gruppo Hitachi la quota di circa il 40,% detenuta in Ansaldo Sts e al tempo stesso anche il ramo di azienda Ansaldo Breda, l’esistenza di una collusione fra Hitachi e Finmeccanica, volta a riconoscere al venditore un corrispettivo più elevato rispetto a quello dichiarato dall’offerente. “In particolare, alla luce di quanto emerso dall’istruttoria – si legge nella nota Consob – Hitachi ha riconosciuto a Finmeccanica, attraverso la sopravvalutazione del ramo d’azienda Breda, quantificata in 32 milioni di euro, una componente di prezzo aggiuntiva rispetto al prezzo concordato per l’acquisto della quota in Ansaldo Sts e comunicato dalle parti il 24 febbraio 2015. Tale componente ulteriore di 32 milioni di euro suddivisa per il numero di azioni Ansaldo Sts oggetto del trasferimento (80.131.081 azioni), equivale ad un maggior valore per azione pari a euro 0,399. Pertanto il corrispettivo finale dell’offerta su Ansaldo Sts è stato rettificato in aumento a 9,899 euro. 
A richiedere la revisione al rialzo del prezzo erano stati due azionisti di minoranza, i fondi Amber e Bluebell