Ok il mercato auto europeo, Fiat punta sulla nuova Bravo

Inviato da Carlotta Scozzari il Gio, 15/02/2007 - 09:21
Quotazione: FCA CHRYSLER

L'associazione europea dei costruttori, l'Acea, rende noto che il 2007 ha preso il via con un lieve aumento delle immatricolazioni di auto nuove, che a gennaio 2007, considerando i 23 Paesi dell'Unione europea più i Paesi Efta, sono salite dell'1,1% a 1,29 milioni di veicoli rispetto al corrispondente mese di un anno fa. L'Unione europea dei 15 non ha fatto registrare grandi variazioni: il progresso si è attestato allo 0,1%, mentre sono stati i nuovi membri Ue a fare la parte del leone, con uno scatto del 16,6%. L'Acea sottolinea come sia stato rilevato un declino, comunque atteso e nell'ordine del 10,5%, delle nuove immatricolazioni in Germania, per via degli acquisti precedenti mirati ad anticipare l'aumento delle tasse. Gli altri quattro grandi mercati automobilistici del Vecchio continente hanno dato inizio all'anno nuovo con dei progressi più o meno marcati: la Francia ha fatto segnare un +1,8%, la Spagna un +2,7%, la Gran Bretagna un +5,2% e l'Italia un +3,5%.

Secondo il Centro Studi Promotor, il dato di gennaio sul mercato automobilistico europeo conforta la previsione moderatamente positiva che era già stata formulata per il 2007. "Sul risultato complessivo - affermano gli esperti di Centro Studi Promotor - dovrebbero influire il quadro economico favorevole, l'attenuazione delle tensioni dei prezzi sui carburanti e, in misura non trascurabile, anche gli incentivi alla rottamazione in Italia. Inoltre, al di là della presenza di incentivi dello Stato, in tutti i mercati avanzati d'Europa sono forti, sopratutto in questo periodo, le spinte alla sostituzione anticipata delle autovetture per acquistare nuovi modelli meno inquinanti. Questo orientamento è, tra l'altro, favorito dalle case automobilistiche con particolari iniziative promozionali nella maggior parte dei mercati nazionali".

Nel Belpaese da segnalare la performance di Fiat, che, considerando il totale dei 23 Paesi Ue più Efta, a livello di gruppo, ha messo a segno un +5,2% di immatricolazioni nel mese di gennaio rispetto all'analogo mese del 2006, spingendosi a quota 111.224 unità, mentre la porzione di mercato è salita dall'8,3% all'8,7%. Un progresso del 5,2% delle immatricolazioni di auto nuove è stato fatto segnare proprio da Fiat Auto, che ha alzato la propri quota di mercato al 6,6%, mentre, restando sempre all'interno del gruppo del Lingotto, Lancia è salita dell'1%, con una quota di mercato ferma allo 0,9%, Alfa Romeo ha fatto un balzo del 9,6%, portando la quota di mercato all'1,1%, e altri marchi del gruppo hanno visto le immatricolazioni di nuovi veicoli scendere del 2,7%.

"Fiat Group Automobiles - commentano dal quartier generale torinese del Lingotto - inizia il 2007 nel miglior modo possibile: proseguendo il cammino, intrapreso già lo scorso anno, di crescita costante della propria quota di mercato in Europa". "Grande Punto e Panda - aggiunge una nota diramata dal gruppo Fiat - sono i modelli che trascinano verso l'alto i risultati del brand. La prima è la seconda vettura più venduta in Europa, con una quota del 10,6% nel suo segmento. La Panda invece continua a dominare il segmento A, con una quota del 31,8%. E presto la nuova Fiat Bravo contribuirà al successo del marchio. Infatti, è già in vendita in Italia e sarà commercializzata da marzo anche in Francia, Spagna, Germania, Olanda e Svizzera. A pochi giorni dal porte aperte sono stati raccolti 8000 ordini in Italia". Intanto a Piazza Affari in tarda mattinata il titolo della società presieduta da Luca Cordero di Montezemolo prosegue il cammino al rialzo, inaugurato a inizio giornata, attestandosi a 17,93 euro, in ascesa dell'1,49%.
 
(News aggiornata alle ore 11.25)
COMMENTA LA NOTIZIA