Oggi Fed continuerà tapering, probabile un taglio delle stime di crescita

Inviato da Riccardo Designori il Mer, 18/06/2014 - 12:22

L'attenzione degli investitori internazionali è focalizzata sulle indicazioni che giungeranno in serata dal Fomc americano. Secondo il consensus mediano degli analisti, la Fed capitanata da Janet Yellen dovrebbe tagliare il piano di acquisto di titoli da parte della Banca centrale americana di ulteriori 10 miliardi al mese. La sopresa sarebbe se il Governatore americano annunciasse un tapering di una portata maggiore. Proprio partendo da questo presupposto, di seguito pubblichiamo un commento di mercato a cura di David Basola, Responsabile Italia di Mirabaud Asset Management. L'esperto evidenzia nella sua analisi come nel corso della corso della conferenza stampa post meeting del Fomc, Janet Yellen potrebbe annunciare un nuovo taglio alle prospettive di crescita dell'economia Usa. 









Oggi non ci aspettiamo che la Federal Reserve annunci rilevanti azioni di politica monetaria, durante l'incontro del Federal Open Market Committee (FOMC). In particolare, crediamo che la Fed manterrà a lungo la propria attuale politica di tassi di interesse bassi. Inoltre, la Banca centrale americana sembra sul punto di rivedere al ribasso - ancora una volta - le previsioni di crescita economica per il 2014, riconoscendo un primo trimestre deludente. Per quanto riguarda il tapering, probabilmente la Fed annuncerà un ulteriore taglio del programma di allentamento quantitativo, portandolo così a 35 miliardi di dollari.



Nel frattempo, per quanto riguarda l'economia reale, il fatto che l'utilizzo della capacità produttiva si stia avvicinando ai suoi massimi post-recessione fa ben sperare per un'ulteriore spesa in conto capitale da parte delle imprese: le aziende avranno infatti bisogno di aumentare i propri livelli di investimento per far fronte alla crescente domanda, poiché stanno spingendo al limite la propria capacità produttiva.



Osservando il mercato immobiliare, invece, continuiamo a ritenere che sia in atto una fase di recupero. La fiducia dei costruttori è ancora cresciuta , secondo i dati pubblicati la scorsa settimana, ed è ora vicina a quota 50 punti: un livello tanto elevato è coerente con 1,3 milioni di nuove case in costruzione. Dato il tasso di produzione attuale di soli 0,9 milioni nel primo trimestre, questo comporterebbe un rialzo significativo nel prossimo mese.
COMMENTA LA NOTIZIA