Ocse: bene la riforma del lavoro in Italia, necessario aumentare firewall a 1.000 miliardi

Inviato da Alberto Bolis il Mar, 27/03/2012 - 12:52

L'Ocse promuove la riforma del lavoro varata dal governo Monti. Secondo il segretario generale dell'organizzazione parigina, Angel Gurria, il pacchetto presentato venerdì scorso potrà risolvere i principali problemi che attanagliano il mercato del lavoro nel Belpaese. La riforma, a detta dell'Ocse, va nella giusta direzione per arginare la disoccupazione giovanile e la scarsa occupazione delle donne.

La riforma del mercato del lavoro si lega inoltre agli ultimi provvedimento varati dall'esecutivo guidato da Monti, definito da Gurria l'uomo giusto al momento giusto e nel posto giusto. Secondo l'Ocse, che oggi ha presentato il suo rapporto sulla zona euro, il decreto semplificazioni, il salva-Italia e il cresci-Italia avranno un impatto positivo sul Pil italiano pari allo 0,6% annuo.

Spostando il raggio di osservazione a tutta la Periferia europea, Gurria ha voluto ricordare come le misure di austerity adottate da Spagna, Italia, Portogallo e Grecia sono molto importanti anche se le sfide restano spaventose. Infine un appello ai ministri finanziari dell'Eurozona: aumentare la potenza di fuoco dei fondi di salvataggio ad almeno mille miliardi di euro perché siano più credibili.

La decisione sull'entità dei fondi salva-stati EFSF e ESM verrà presa venerdì prossimo all'Ecofin di Copenhagen, così come la decisione se farli esistere contemporaneamente - creando un fondo con oltre 700 miliardi disponibili - o se sostituire, come pianificato, l'EFSF con l'ESM a luglio - scendendo a 500 miliardi.

COMMENTA LA NOTIZIA