1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Ocse alza stime su economia Usa, ripresa più lenta per l’Europa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La peggior recessione degli ultimi 60 anni sta raggiungendo il “bottom”, ma la ripresa sarà “debole e fragile”. E’ quanto emerge dall’Economic Outlook diffuso oggi dall’Ocse. L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ritiene che “grazie alle azioni di stimolo all’economia la fase più acuta ella crisi appare alle spalle”. Tra le principali economie, l’Ocse vede gli Usa in calo del 2,8% nel 2009 rispetto al -4% della precedente stima risalente a marzo. Per il 2010 il pil statunitense dovrebbe salire dello 0,9% rispetto all’andamento piatto stimato in precedenza. Per la zona euro la ripresa dovrebbe risultare più lenta con una contrazione del 4,8% attesa quest’anno (-4,1% la precedente stima) e un pil invariato nel 2010.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Stati Uniti: tonfo per l’indice Richmond Fed a maggio

L’indice Richmond Fed, che misura l’attività manifatturiera del distretto di Richmond, nel mese di maggio si è attestato a 1 punto, contro i 20 del mese precedente. Gli analisti avevano stimato 15 punti.

MACRO

Stati Uniti: vendite case nuove sotto le stime ad aprile

Ad aprile l’indice statunitense che misura le vendite di case nuove è passato da 642 a 569 mila unità. Il dato a marzo aveva fatto segnare il livello maggiore degli ultimi 10 anni. Gli analisti avevano stimato 611 mila.

MACRO

Stati Uniti: PMI servizi sopra le stime a maggio

Meglio del previsto l’indicatore statunitense che misura il sentiment dei direttori degli acquisti (PMI) del comparto servizi, salito a maggio, in versione preliminare, da 53,1 a 54 punti. Gli analisti avevano stimato 53,3 punti.