Occhi puntati sul cda di AdR

Inviato da Redazione il Mer, 17/09/2008 - 08:07
Sulla carta è un consiglio di amministrazione ordinario quello che si riunirà oggi a Fiumicino per Aeroporto di Roma. All'ordine del giorno non figurerebbe la vicenda Alitalia, il piano Fenice e i suoi effetti, in particolare la redistribuzione dei voli sui due scali principali: Malpensa e Fiumicino. Eppure è difficile pensare che le ultime esternazioni del premier, favorevoli a un'alleanza con Lufthansa, in quanto più favorevole a Malpensa e le indicazioni pervenute sul piano, dopo l'accordo-quadro siglato tra Cai (Compagnia aerea italiana) e i sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl, possano lasciare indifferenti i soci di Adr. Il piano che viene ora chiamato definito prevede infatti che la nuova Alitalia operi 18 rotte intercontinentali, contro le 17 attuali. E soprattutto che 14 di queste vengano localizzate a Malpensa. Il resto, dunque soltanto 4 rotte, resterebbe a Fiumicino. Insomma quello che si prospetta è una colossale marcia indietro rispetto al trasferimento dei voli messo in atto, in ottemperanza al piano dell'allora presidente Maurizio Prato, a marzo quando l'aeroporto di Malpensa perse la qualifica di hub.
COMMENTA LA NOTIZIA