Occhi di Gazprom su Opv Galp

QUOTAZIONI Eni
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Con un tranche del 23% del capitale è partita ieri l’Offerta pubblica di vendita della compagnia energetica portoghese Galp, di cui l’Eni detiene il 33,34%. Con l’offerta, il governo portoghese mette sul mercato la quota di capitale ancora in suo possesso, pari a 190,7 milioni di azioni, dopo le privatizzazioni precedenti di Galp quando in fasi successive entrarono prima Eni e la spagnola Iberdola (con il 4%), poi il gruppo lusitano Amorin Energia (salito recentemente al 31,60%) e l’istituto bancario Cgd (1%), controllato da Lisbona. Galp ha anche annunciato ieri un piano di investimenti di 769 milioni di euro entro il 2010 per rafforzare la propria posizione nel settore petrolifero, mentre l’ingresso dei russi di Gazprom sul mercato iberico riguarda già da vicino anche Galp. Il portoghese Americo Amorin, secondo azionista della compagnia, ha infatti spiegato che “sono in corso trattative positive con i russi per le forniture di gas”, e che non ci sarebbe “nessun problema se Gazprom entrasse in Galp con una quota di minoranza”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
EUROPA

Total: utile netto balza del 77% nel primo trimestre 2017

Trimestrale migliore delle aspettative per Total in uno scenario caratterizzato dalla risalita dei prezzi del petrolio. In particolare, il colosso petrolifero francese ha visto l’utile netto rettificato balzare del 56% a 2,6 miliardi di dollari (cons…