1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Obbligazioni paesi emergenti: un ciclo completo (Fondionline.it) -2

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Una modalità rapida per riassumere questi miglioramenti è il confronto tra le riserve di divisa del Brasile con il suo debito estero. Nel novembre del 2002, le riserve equivalevano ad appena il 19% del suo debito estero. Da allora, le riserve sono cresciute ad un tasso tale da far prevedere una compensazione totale tra l’ammontare del debito emesso dallo stato e dalle imprese brasiliane nel 2007, e le riserve accumulate entro gennaio del 2008. Il trend può essere utilizzato anche per dimostrare perché il livello di affidabilità creditizia del paese abbia sperimentato un netto miglioramento. Tuttavia, questo non significa che tutti i debitori brasiliani rimborseranno il debito contratto in valuta estera entro il 2008, per poi finanziarsi solo con l’emissione di bond denominati in valuta domestica. Al contrario, le imprese brasiliane continueranno a finanziarsi sui mercati obbligazionari internazionali.
Parte del denaro così raccolto sarà destinato a progetti rischiosi, ma il finanziamento non metterà a rischio la stabilità economica e finanziaria del paese. Ed è proprio nel segmento corporate che l’innovazione finanziaria ha offerto il meglio di sé. Alcune delle emissioni corporate saranno accompagnati da garanzie erogate da fondi hedge (ma saranno le uniche garanzie). I sottoscrittori hanno imparato a loro spese che queste emissioni non torneranno a beneficiare della garanzia del Tesoro. Negli anni ’70 era facile per i grandi debitori privati ottenere delle garanzie governative. Tuttavia, l’esperienza ha dimostrato che nelle fasi di crisi il governo era incapace di onorare queste garanzie. Le garanzie hanno provocato danni incommensurabili alle finanze di numerosi paesi emergenti, costringendoli a dichiarare default e a cadere nelle braccia del Fondo Monetario Internazionale. Contemporaneamente, gli investitori esteri, nel disperato intento di recuperare il proprio patrimonio, hanno imposto tassi di cambio che hanno strangolato l’economia della macro- regione per lunghissimi periodi di tempo. (Segue).