1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Obbligazioni convertibili e mertcato del credito, rimbalzo a fine 2012 (Aviva Investors)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le obbligazioni convertibili nel 2012 risentiranno dell’evoluzione del debito europeo, della crescita cinese e delle elezioni Usa. Lo dice David Clott, senior fund manager per le convertibili di Aviva Investors. In particolare, prevede il gestore, il mercato del credito avrà ancora spread abbastanza ampi per la prima metà dell’anno, ma con un restringimento verso la fine del 2012. Le performance migliori saranno per Asia e Usa nel primo semestre, mentre dal secondo semestre si assisterà al rimbalzo dell’Europa.
Anche il mercato delle obbligazioni convertibili, quindi, seguirà la strada del miglioramento a fine anno, aiutato dal fatto che diverse emissioni giungono a scadenza nel 2012, e che negli ultimi due anni non ci sono state nuove emissioni, il che potrebbe creare uno squilibrio tra domanda e offerta sufficiente a far salire i guadagni, stima l’analista, di un paio di punti percentuali. Il rischio è rappresentato dalla possibile inadempienza delle società che quest’anno dovranno riscattare le obbligazioni in scadenza.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Audizione governatore Federal Reserve

Powell (FED): “UE non è nemica degli USA”

Smentisce le parole del presidente Donald Trump pronunciate qualche giorno fa alla vigilia del summit Nato il numero uno della FED, Jerome Powell. “Crede che l’Unione europea sia un nemico …

Summit a Washington

Dazi: il prossimo 25 luglio incontro Trump-Juncker

Il prossimo 25 luglio il presidente della Commissione ue, jean-Claude Juncker, incontrerà il presidente degli USA Donald Trump a Washington. L’incontro verterà sulla questione commerciale come sottolinea la stessa Commissione …

Dati Ufficio statistica nazionale

Gran Bretagna: occupazione a livelli record

In Gran Bretagna l’occupazione ha raggiunto un livello record nei tre mesi fino a maggio e le pressioni salariali hanno mostrato pochi segni di riduzione, mantenendo la Banca d’Inghilterra sulla …