Obbligazionario, per Stefan Isaacs permangono buoni motivi per investire nel 2010 - 2

Inviato da Redazione il Mar, 26/01/2010 - 16:19
Secondo Isaacs la domanda per prodotti obbligazionari dovrebbe rimanere forte mentre inflazione e tassi d'interesse dovrebbero mantenersi bassi a lungo. Il maggior rischio per i corporate bond nel 2010 è legato ad un possibile ritorno di avversione al rischio. "In questo scenario - precisa il gestore - è possibile che gli spread si amplino, anche se è improbabile che tornino ai livelli da depressione raggiunti all'inizio del 2009".
L'inflazione non rappresenta una grande preoccupazione per la Banca Centrale Europea, che considera molto accomodante il proprio tasso d'interesse base all'1%. "Tuttavia, se quest'anno la ripresa economica fosse più forte di quello che prevedo, la BCE potrebbe iniziare a temere il formarsi di un'altra bolla sui prezzi degli asset e potrebbe alzare i tassi per evitare questa eventualità".
COMMENTA LA NOTIZIA