1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Nuova Zelanda: Fitch e S&P tagliano merito di credito di un gradino, preoccupa crescita debito

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Rating passa da AA+ ad AA

Doppio placcaggio subito dalla Nuova Zelanda in un solo giorno. Quando i mondiali di rugby sono in pieno svolgimento nella terra degli All Blacks, due delle tre principali agenzie di rating mondiali hanno deciso a distanza di poche ore di declassare il merito di credito sul debito a lungo termine della Nuova Zelanda. Fitch Rating e Standard & Poor’s hanno entrambe rivisto al ribasso di un gradino il rating sul debito a lungo termine in valuta straniera del Paese dell’Oceania portandolo da AA+ ad AA. 

 

L’altra agenzia di rating, Moody’s, risulta l’unica a indicare rating tripla A sul debito in valuta estera della Nuova Zelanda con outllok stabile.

 

A preoccupare maggiormente le due agenzie di rating statunitensi è l’elevato livello di debito del Paese. Fitch ha sottolineato che la decisione è frutto dell’alto livello di debito estero, che presenta una deviazione eccessiva rispetto alle nazioni sviluppate. Una debolezza che appare destinata a continuare alla luce del crescente deficit delle partite correnti. Standard & Poor’s rimarca anche l’incremento delle spese governative a seguito del terremoto di febbraio a Christchurch, in cui morirono 181 persone. S&P ha ridotto anche il rating sul debito in valuta locale di un gradino ad “AA+” con outlook stabile. Tra le criticità citate da S&P ci sono anche l’elevato indebitamento delle famiglie e la dipendenza dalle materie prime.

 

Deficit partite correnti atteso in ulteriore aumento
Il livello di debito estero della Nuova Zelanda, rimarca Fitch, alla fine dello scorso anno risultava pari all’83% del pil in dollari Usa, decisamente oltre il 10% medio delle altre nazioni con rating AA. Il deficit delle partite correnti (l’eccesso di import rispetto all’export, ndr) è atteso in progresso nei prossimi anni (4,9% nel 2012 e 5,5% nel 2013). Fitch ha inoltre posto l’accento sulla crescita inferiore alla media dei Paesi di pari merito di credito: negli ultimi 5 anni il Paese dell’Oceania è cresciuto in media dello 0,7% annuo rispetto al +1,1% medio degli altri Paesi con rating AA.


Kiwi in difficoltà

Il declassamento deciso dal Fitch e S&P ha messo sotto pressione la valuta neozelandese che già nelle ultime settimane era stata tra le più penalizzate. Il dollaro neozelandese è sceso a 0,764 rispetto al dollaro Usa, con un bilancio negativo del 3,5% circa nelle ultime tre sedute.

Commenti dei Lettori
News Correlate
BANCHE

Abn Amro, governo olandese vende quota del 7% e scende al 63%

Il governo olandese ha annunciato oggi la vendita del 7% di Abn Amro, la banca nazionalizzata durante la crisi finanziaria. Una privatizzazione parziale che riduce la partecipazione statale al 63%. Il prezzo di vendita di ciascun titolo è stato fissa…

M&A

Philips compra l’americana Spectranetics per 1,9 mld di euro

Giornata di shopping per l’olandese Philips. La società europea, leader mondiale nell’health technology, ha annunciato di avere raggiunto un accordo per acquisire l’americana Spectranetics per una cifra pari a 1,9 miliardi di euro (debito compreso). …

NUOVI CONTRATTI

Astaldi: nuovo contratto ferroviario da 82 milioni di euro in Polonia

Il Gruppo Astaldi si è aggiudicato i lavori di ammodernamento di una tratta della Linea ferroviaria E-59 Varsavia-Poznań (Lotto IV). Il valore delle opere da realizzare è pari a 82 milioni di euro, con Astaldi leader di un raggruppamento di impr…