Nuova Zelanda: il costo del denaro sale al 2,75%, l'inflazione preoccupa la Banca centrale

Inviato da Luca Fiore il Gio, 10/06/2010 - 13:23
La Reserve Bank della Nuova Zelanda ha annunciato di aver incrementato, per la prima volta in tre anni, il costo del denaro di 25 pb, portandolo al 2,75%. Secondo gli analisti nel corso dell'anno assisteremo ad ulteriori innalzamenti del costo del denaro. Il dollaro neo-zelandese, o kiwi, scambia in crescita dell'1,2% contro dollaro a 0,6811 (nzd/usd) ed in calo dello 0,6% (1,7681) nell'eur/nzd.

Per la Banca Centrale il pericolo maggiore in questo momento è rappresentato dall'eccessiva crescita dei prezzi, che può essere combattuta anche tramite l'apprezzamento della valuta. La Reserve Bank vede l'inflazione al 5,3% l'anno prossimo, anche a causa di un incremento della tassazione sulle vendite, che salirà dal 12,5 al 15 per cento. Non desta invece più di tante preoccupazioni l'andamento della disoccupazione, scesa al 6% nei primi 3 mesi del 2010 dal 7,1% del 4° trimestre 2009.
COMMENTA LA NOTIZIA