Nts vale meno della sua cassa, abbaglio del mercato o manovre all'orizzonte?

Inviato da Redazione il Lun, 26/01/2004 - 17:08
Non è iniziato in modo positivo il 2004 per i titoli Nts. Nell'ultimo mese le azioni hanno perso circa il 20% del loro valore, passando da una quotazione all'incirca pari 10 euro ad una inferiore, seppur di poco, agli 8 euro. Il tutto senza una notizia che scatenasse le vendite. Un evento singolare per una società il cui valore è strettamente legato alla cassa detenuta. Nts al momento non svolge nessun tipo di attività, com'è desumibile anche dall'esiguo fatturato, e la sua valutazione è quindi strettamente legata alla liquidità che ha in pancia, eredità della quotazione avvenuta nel 2001. Al 30 settembre 2003 la posizione finanziaria netta di Nts era positiva per 145 milioni di euro, pari a 10 euro per quota (la base capitaria è formata da circa 14 milioni di azioni). Con una quotazione pari a 8 euro si suppone che i titoli incorporino una cassa pari a circa 110 milioni. Circa 35 milioni di euro che il mercato sembra aver dimenticato. Lungi dal pensare che quei soldi esistessero solo sulla carta (anche se il dubbio in questi giorni sospettosi è affiorato), e già scontate nei precedenti bilanci le perdite derivanti dall'operazione Tecnosistemi, è lecito chiedersi perché il mercato non assegni valore ai quei soldi. Non è pensabile che in tre mesi siano stati bruciati 35 milioni di euro senza produrre nulla, e sembra che le trattative intavolate con Gioco Calcio, che gestisce i diritti di cinque squadre di calcio italiane di Serie A, prevedano esborsi monetari di poco conto. Abbaglio del mercato? Probabilmente no. La maggior parte del capitale (80%) è detenuta dalle due banche creditrici della Content; il titolo è quindi poco liquido e facilmente manovrabile. Non manca quindi il necessario sostegno. E' possibile, invece, che si stiano risistemando i valori in attesa dell'annuncio di qualche accordo societario che sia, sulla carta, sfavorevole alla società. Una mossa che avrebbe il pregio di attutire parzialmente il contraccolpo nel momento dell'annuncio.
COMMENTA LA NOTIZIA