Noto: "Economia Us a rischio rallentamento nel primo semestre"

Inviato da Redazione il Ven, 04/02/2005 - 19:24
Si avvicina un periodo in cui l'economia americana crescerà un po' di meno, una fase a cui si dovrebbe assistere soprattutto nella prima parte dell'anno. Questo almeno è il pensiero di Luca Noto, responsabile ricerca macroeconomica per Ulpia Investment Advisor, successivamente alla pubblicazione dei dati statunitensi sul mercato del lavoro.
A giudizio di Noto il principale elemento da sottolineare è il contributo negativo ai non farm payroll del settore manifatturiero, mentre il dato sul tasso di disoccupazione è considerato di difficile interpretazione: "non bisogna essere contenti del dato - ha detto l'economista - perché l'evidenza di oggi è determinata in buona parte da una diminuzione della forza lavoro, ossia da un'uscita dal mercato del lavoro di molti disoccupati americani".
Le preoccupazioni dell'economista sono però dettate anche dalla dinamica dell'indice Ism che prosegue la sua contrazione, indicando meno ottimismo da parte degli addetti del settore manifatturiero. "A questo punto è importante vedere cosa succederà in merito agli ordinativi di beni durevoli ora che sono venuti a mancare gli incentivi fiscali. Io ritengo che si possa assistere a una compensazione della precedente distorsione indotta proprio dagli incentivi. Un peso che dovrebbe abbattersi soprattutto sul comparto equiment e del software".
"Tutti questi elementi - ha concluso Noto - mi fanno ritenere che la Fed possa effettuare qualche pausa nell'incremento dei tassi, per ricominciare a farli salire verso fine anno".
COMMENTA LA NOTIZIA