Nonostante i dubbi, il comparto bancario festeggia i risultati degli stress-test

Inviato da Luca Fiore il Lun, 26/07/2010 - 19:19
Oggi la pubblicazione dei risultati degli stress-test e le vendite di case nuove dagli Stati Uniti (a 330 mila unità) hanno spinto al rialzo i listini ed il comparto bancario in particolare, nonostante le critiche riguardanti le metodologie utilizzate nel corso delle prove. In particolare, sottoponendo a test i soli titoli presenti nei trading book il CEBS (Committee of European Banking Supervisors) ha automaticamente escluso il rischio-default di uno stato membro.

Lo stoxx dei bancari in Europa ha registrato un rialzo del 2,2% portandosi a 191,85 punti. A livello di singoli Paesi, +3,46% sul Dax per Commerzbank, i cui risultati hanno decisamente sorpreso gli analisti, ed in attesa dei conti trimestrali, +1,27% per Deutsche Bank. Dalla Francia, +3,12% per il Credit Agricole, +2,37% di Bnp Paribas e +5,24% di Societè Generale. Sul Ftse Mib spicca il +3,95% di Intesa Sanpaolo ed il +4,36% del Banco Popolare. +4,52% a Londra per Barclays. Positiva anche l'intonazione del settore a Wall Street, con il +2,11% di Citigroup, il +2,4% di Bank of America ed il +1,17% di Wells Fargo.
COMMENTA LA NOTIZIA