1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Non solo Bitcoin ed Ethereum. XRP, la criptovaluta volata +4.000% da inizio anno (VIDEO)

Questa moneta digitale, che è nata da una società fondata cinque anni fa, ha creato un mercato la cui capitalizzazione la terza maggiore tra le criptovalute,

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Non si tratta né del Bitcoin, né dell’Ethereum. Il suo nome è XRP, ed è anch’essa una criptovaluta, creata dalla start-up di San Francisco Ripple.

Il suo trend sta mettendo sempre più sull’attenti le rivali, e a ragione: dall’inizio dell’anno XRP è balzata del 3.977% e, soltanto nel secondo trimestre, la moneta digitale scambiata su 30 mercati ha guadagnato +1.159% su base trimestrale, a $0,263.

Creata da una società nata cinque anni fa, questa criptovaluta ha dato vita a un mercato la cui capitalizzazione è la terza maggiore tra le criptovalute, dietro quella del Bitcoin e dell’Ethereum.

XRP è detenuta in gran parte da Ripple. La società ha diffuso a maggio nuovi piani per la vendita della propria moneta e sono stati proprio questi annunci, come ha confermato Miguel Vias, responsabile dei mercati XRP di Ripple, a scatenare un forte interesse nel secondo trimestre, quando sono state ben 25 le nuove piattaforme che hanno accettato gli scambi della valuta. Scambi che, nello stesso arco temporale, sono avvenuti per un valore di $30 milioni.

Così Vias:

“Siamo molto focalizzati sui pagamenti internazionali, e ritengo che probabilmente abbiamo l’unico asset digitale che ha una funzione di utilizzo chiara. Riguardo alla nostra crescita e alla nostra capacità di espanderci in altri mercati, continueremo a siglare accordi di partnership con le piattaforme di scambio di asset digitali”.

A dispetto della volatilità dei mercati delle criptovalute e della diffidenza di alcuni analisti, Vias rimane ottimista sul futuro di Ripple e dell’intero settore.

“Quello che abbiamo visto noi è la crescita dell’interesse nei confronti degli asset digitali anche da parte di istituzioni ben solide. Quando ci sono istituzioni come la Bank of England, che ha fatto con noi una prova di concetto, così come quando viene da noi la Bank of Japan, che dichiara che sta considerando l’eventualità di includere (XRP) tra le valute legali, non possiamo fare a meno di credere che stiamo seguendo il giusto percorso, e che l’interesse continuerà a crescere”.