1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Non basta il Pil Usa oltre le attese, Milano perde un altro 2% -1-

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Non si è arrestata la caduta della Borsa di Milano, con il Ftse Mib scivolato sotto quota 20.000 punti, in scia alle tensioni tra le due Coree e l’evoluzione della crisi irlandese. Ieri sera il premier irlandese, Brian Cowen, ha annunciato le dimissioni dopo l’approvazione della manovra finanziaria. Oltre alla delicatissima situazione delle finanze pubbliche, Dublino dovrà quindi fare i conti anche con il rischio di instabilità politica. Sui mercati sono pesate anche le parole di Angela Merkel, secondo cui “l’euro si trova in una situazione eccezionalmente seria”. A risollevare i listini non è bastato nemmeno il Pil Usa del terzo trimestre oltre le attese: nella seconda lettura il Pil è stato rivisto al rialzo a +2,5% dal precedente +2%, mentre il consesus indicava +2,4%. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha ceduto il 2,07% a 19.950 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato del 2,02% a quota 20.590.

Vendite su Fondiaria-Sai che ha chiuso in ribasso del 3,40% a 6,11 euro. Ieri il Cda di Premafin, la holding che controlla il gruppo assicurativo della famiglia Ligresti, ha dato il via libera all’aumento di capitale che sarà garantito da Credit Suisse. In dettaglio, Premafin varerà una ricapitalizzazione da 225,7 milioni di euro ad un prezzo da definire nei prossimi mesi, con i francesi di Groupama che verseranno 145,7 milioni per arrivare al 17% del capitale di Premafin. Anche FonSai lancerà un aumento di 460 milioni, di cui 100 verranno messi dalla holding. Prysmian ha passato un’altra giornata nelle retrovie del Ftse Mib lasciando sul parterre il 2,90% a 12,04 euro. Sembra essersi sbloccata la battaglia per rilevare Draka dopo la dichiarazione congiunta di Valerio Battista, Ad di Prysmian, e Frank Dorjee, Ad di Draka: “dai cinesi di Xinmao non è arrivata nessuna offerta”. Di conseguenza, il gruppo olandese dovrebbe accettare l’offerta di Prysmian che valorizza Draka 17,20 euro per azione (valore implicito dell’operazione 840 milioni di euro).