Nomina Kuroda alla BoJ sostiene discesa yen

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Come da attese il premier nipponico Shinzo Abe ha scelto Haruiko Kuroda, attuale presidente della Asian Devolepment Bank, quale nuovo governatore della Bank of Japan. Kuroda succede a Masaaki Shirakawa che lascerà l’incarico a partire dal prossimo 19 marzo. Il mercato si attende che il nuovo numero uno della banca centrale porterà avanti una più aggressiva politica di allentamento monetario e le prime mosse potrebbero arrivare già nel meeting di aprile. La nomina di Kuroda, che ora dovrà essere approvata dai due rami del Parlamento, è stata accompagnata dalla nomina dei due vice governatori: il professore universitario Kikuo Iwata e il direttore esecutivo della Boj, Hiroshi Nakaso.
In scia alla nomina di Kuroda il cross dollaro/yen si è portato questa mattina fino a 92,66 dollari. “Il dollaro Usa deve mantenersi sopra la fascia di 90,30 nei confronti dello yen per poter conservare l’uptrend – commentano oggi gli analisti di CMC Markets – sopra 92,40 primo obiettivo a 93,20 e poi a 94,00”.

In recupero oggi il dollaro australiano in area 1,026 dopo che ieri era momentaneamente scesa sotto quota 1,02 sui minimi a 4 mesi e mezzo rispetto al dollaro Usa. Oggi la Reserve Bank of Australia (Rba) ha pubblicato un documento in cui sottolinea che la maggior parte dei modelli suggerisce che il dollaro australiano è sopravvalutato tra il 4% e il 15%, aggiungendo che il modello preferito dalla Rba indica una sopravvalutazione del 5%. Il documento della Rba sottolinea inoltre che la divisa locale risulta detenuta da 34 banche centrali (16 sono istituti che pubblicano le riserve valutarie detenute, mentre le altre 18 sono una lista di possibili detentori).