1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Nestlé fatica a crescere, nuovo ceo accelera su piano ristrutturazione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ritmo di crescita dei ricavi molto debole per Nestlé. Il colosso alimentare ha chiuso il 2016 con ricavi in crescita del 3,2% a livello organico dal +4,2% del 2015 e anche per il 2017 le prospettive sono decisamente deboli, ben sotto gli obiettivi di lungo periodo. Il consensus Bloomberg per l’intero 2016 era per un +3,4%. 

Complessivamente le vendite sono state pari a 89,5 miliardi di franchi svizzeri, in rialzo dello 0,8% con un impatto negativo dell’1,6% dall’effetto valutario. L’utile netto è sceso a 8,5 miliardi dai 9,1 mld del 2016. proposto un dividendo di 2,3 chf per azione.
Per il 2017 l’outlook è di una crescita organica tra il 2 e il 4%. La redditività quest’anno sarà frenata dal notevole aumento dei costi di ristrutturazione che sarà implementato al fine di guidare la redditività futura.

“La nostra crescita organica 2016 è nella fascia alta del settore, ma a un livello più basso delle nostre aspettative – ha commentato Mark Schneider, ceo di Nestlé – . Abbiamo visto un miglioramento del margine di profitto operativo e il nostro cash flow è cresciuto in modo significativo”.

“Al fine di guidare la redditività futura, abbiamo in programma di aumentare considerevolmente i costi di ristrutturazione nel 2017 – aggiunge Schneider che indica una crescita organica più sostenuta (circa 5%) e significativi risparmi sui costi strutturali entro il 2020.
Schneider ha detto che si aspetta che i costi di ristrutturazione salgano a circa 500 milioni di franchi.

Il nuovo ceo di Nestlé punta quindi a riportare la crescita di lungo termine delle vendite del gruppo al ritmo del 5-6% che lo aveva caratterizzto per più di un decennio.