Nestlé compra Pfizer Nutrition per 11,85 mld di dollari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Affare fatto tra la statunitense Pfizer e la svizzera Nestlé. Dopo le indiscrezioni stampa pubblicate meno di una settimana fa dal Wall Street Journal, questa mattina il colosso alimentare svizzero ha ufficializzato di avere raggiunto un accordo per rilevare Pfizer Nutrition, società americana specializzata nei prodotti nutrizionali per l’infanzia. Nestlé metterà sul piatto una cifra pari a circa 11,85 miliardi di dollari, ben oltre i 9 miliardi indicati dal quotidiano finanziario Usa. L’acquisizione, soggetta al via libera delle autorità competenti, permetterà al colosso svizzero di rafforzare la posizione mondiale nella nutrizione infantile. Intanto sulla Borsa di Zurigo il titolo Nestlé cede circa il 3,5% a 55,1 franchi per azione.

“La nutrizione infantile è il fulcro della nostra società fondata nel 1866 – commenta Paul Bulcke, a.d. di Nestlé – Pfizer Nutrition rappresenta un’ottima combinazione strategica e questa acquisizione sottolinea il nostro impegno nell’essere la prima società a livello mondiale nei prodotti per la nutrizione e la salute. I suoi marchi e il suo portafoglio prodotti e la presenza geografica, con oltre l’85% delle vendite realizzate nei Paesi emergenti, completeranno alla perfezione la nostra gamma di prodotti per la nutrizione infantile”.

Nella nota odierna Nestlé sottolinea inoltre questa acquisizione “contribuirà nel primo anno in modo positivo agli utili per azione del gruppo”. Il gruppo di Vevey si attende che il fatturato di Pfizer Nutrition raggiunga quota a 2,4 miliardi di dollari nel corso dell’anno. L’85% delle vendite di Pfizer Nutrition viene realizzato nei mercati emergenti a forte crescita.
Tra i marchi di Pfizer Nutrition spiccano S-26 Gold, SMA e Promil che andranno a unirsi al portafoglio prodotti di Nestlè, tra cui figurano Nan, Gerber, Lactogen, Nestogen e Cerelac.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…