1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Neoprotezionismo degli Usa, l’Ue non ci sta. Pronto ricorso al Wto

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La misura protezionistica “Buy American” inclusa nel pacchetto di stimolo all’economia da 819 mld di dollari della nuova amministrazione Obama fa discutere in Europa e rischia di innescare una guerra commerciale. Tra gli stimoli all’economia legati a progetti infrastrutturali spicca la condizione che per accedere ai fondi federali sarà necessario acquistare acciaio e ferro “made in Usa”. Il neoprotezionismo Usa non piace all’Europa e neanche al Canada. Ieri l’Ue ha minacciato di ricorrere al Wto contro gli sa. “Se le misure che saranno approvate dal Senato usa risulteranno in violazione degli accordi generali sugli appalti firmate dagli Usa, allora dovremo considerare una denuncia al Wto”, ha dichiarato Peteer Power, portavoce della Commissione Ue.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Oro: tensioni politiche spingono i prezzi ai massimi da fine aprile

Rialzo di mezzo punto percentuale per il future con consegna giugno sull’oro, in aumento a 1.259,9 dollari l’oncia. I prezzi, sui massimi da tre settimane, capitalizzano la crescita della volatilità sulle piazze finanziarie e le tensioni in arrivo da…

COMMODITY

Petrolio: Brent si spinge sopra quota 54 dollari il barile

Quarta giornata consecutiva con il segno più per le quotazioni del greggio, in rialzo dello 0,82% a 54,05 dollari il barile. Nelle ultime cinque sedute il derivato è salito del 4,3% in attesa che l’Opec, l’Organizzazione che raggruppa i Paesi esporta…

COMMODITY

Petrolio: miglior settimana da inizio anno in attesa dell’Opec

Alla terza seduta consecutiva con il segno più, il Brent porta il saldo settimanale al +5,55%, il dato maggiore da inizio anno. Nuovo segno più all’ICE per il future con consegna luglio sul greggio, in aumento del 2,15% a 53,64 dollari il barile.

MERCATO VALUTARIO

Forex: dollaro scivola ancora, eur/usd a un soffio da 1,12

Nuovi minimi a oltre 6 mesi per il dollaro. Si conferma anche oggi la debolezza del biglietto verde con il cross euro/dollaro spintosi a ridosso di 1,12 (1,1197) nel pomeriggio. Un’accelerazione al ribasso per il dollaro è arrivata dopo le dichiarazi…