1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Murdoch lancia la sfida a British Telecom

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Murdoch colpisce ancora. E stavolta il magnate australiano lancia la sfida a British Telecom. La guerra per accaparrarsi quote di mercato nel promettente settore di internet su banda larga ha compiuto in Gran Bretagna un salto di qualità con l’entrata in scena di BSkyb. La tv satellitare digitale britannica che fa capo a Rupert Murdoch ha annunciato ieri ai propri 8 milioni di abbonati offerte che prevedono un pacchetto base gratuito da 2 megabytes (installazione e connessione a parte). Nelle versioni più sofisticate, fino a 16 megabytes di ampiezza di banda, il costo mensile è di 10 sterline, poco meno di 15 euro. L’offerta permette all’utente medio britannico di risparmiare fino a 300 sterline (45°0 euro) l’anno rispetto ai servizi esistenti. A ciò si aggiunge un pacchetto che permette un numero illimitato di telefonate su linea fissa (solo in Gran Bretagna) per 5 sterline al mese, pari a poco più di 7 euro. La mossa si traduce per BSkyb in un forte investimento e che al tempo stesso equivale a una scommessa sul futuro in aperta sfida a Bt: 250 milioni di sterline per portare a regime la nuova banda larga a cui si aggiungono altri 150 milioni di sussidi per la clientela. In totale, oltre 400 milioni di sterline d’investimenti – pari a 730 milioni di dollari – su tre anni che verranno finanziati dalla cassa. Secondo i calcoli di Murdoch&Co, la società al 2010 dovrebbere raggiungere il 30% degli 8,1 milioni di abbonati alla tv satellitare inglese e arrivare per quella data al break even.