1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Municipalizzate: gestori, “quotano a prezzi tirati, ma il premio e’ giustificato”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Un cavallo di battaglia 2004 di Piazza Affari è stato il settore delle municipalizzate. Anno nuovo, strategia nuova? A sentire alcuni gestori sembrerebbe proprio di no. Queste azioni continuano ad essere considerati porti sicuri grazie alla loro buona visibilità sull’andamento dei ricavi e degli utili futuri, con rischio quindi basso. Secondo Fabio Ciuffa di Banca Iccrea “i giochi sul fronte acquisizioni o fusioni non sono affatto chiuso. Questo giustifica il premio, che gli investitori pagano”. Indubbiamente rispetto ai competitors europei le nostrane Aem, Aem Torino, Amga e Acsm sono un po’ carucce, ma il tutto è giustificato a detta dei money manager interpellati da Spystocks. “I prezzi delle municipalizzate sono tirati. Chi punta su questi titoli cerca di sfruttare le sinergie attese. Si crea visibilità sull’azione e quindi il titolo in questione guadagna”, aggiunge ancora Ciuffa. Gli fa eco Edoardo Mosca di Nuovi Investimenti sim. “E’ vero queste azioni hanno corso molto, ma guardando i fondamentali rimangono azioni assolutamente valide. I prezzi sono un po’ tirati, eppure c’è ancora un gran fermento”, dice Mosca, citando la storia Edison. “La situazione che si è venuta a creare attorno alla seconda azienda elettrica del Paese potrebbe dare un’ulteriore spinta in avanti alle piccole società municipalizzate implicate nella vicenda. La corsa non è ancora finita”, aggiunge.