1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Mubarak sfida la piazza e resiste: il prezzo corre sui mercati asiatici

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Mubarak sfida la piazza e resiste. Rivolgendosi agli egiziani come un padre, ma soprattutto come il loro presidente, Mubarak ha annunciato ieri sera che cederà poteri al vice presidente Omar Suleiman, ma ancora non se ne va. E alla piazza non basta. Una folla sterminata di manifestanti a Tahrir ha reagito con rabbia, agitando scarpe al cielo, in segno di disprezzo verso il rais, e all’esercito ha urlato: Andiamo al palazzo, insieme. Le mancate dimissioni lasciano molti interrogativi in sospeso. Non agli investitori che hanno spinto all’insù i corsi del petrolio, in sensibile rialzo sui mercati asiatici. Si temono nuove tensioni in Egitto dopo le mancate dimissioni di Mubarak. Le parole del rais hanno accresciuto la rabbia della piazza e spinto all’insù i prezzi del greggio sui mercati asiatici: il contratto scadenza marzo ha guadagnato 1,04 dollari al barile toccando gli 87,77 dollari. Mentre il Wti del Mare del Nord si è confermato sopra i 100 dollari al barile (100,87).