Mps, la violazione dei 0,325 euro è un segnale di forza

Inviato da stefano alberti il Mer, 01/02/2012 - 14:35
Buona intonazione a Piazza Affari per Mps, in linea con l'ottimo comportamento odierno del comparto bancari. Il titolo rimane in scia all'aumento del target price a 0,35 euro operato lunedì da Citigroup e beneficia di un quadro tecnico positivo. Dopo aver testato i minimi storici il 10 gennaio a 0,19 euro il titolo ha realizzato in 12 sedute borsistiche una performance positiva del 68,3% circa, toccando il 26 gennaio i massimi relativi in area 0,3199. A far propendere per una visione positiva vi è innanzitutto la constatazione che le quotazioni sono riuscite settimana scorsa a oltrepassare il livello di resistenza statica situato a 0,2715 euro, portandosi in prossimità dei massimi del 7 dicembre in area 0,325. L'eventuale rottura al rialzo anche di questa soglia, aprirebbe la strada verso nuovi apprezzamenti. Indicazioni positive provengono anche dall'andamento della media mobile a 14 periodi che per la prima volta da aprile dell'anno passato si appresta ad incrociare verso l'alto quella a 55 giorni. Considerato anche il considerevole incremento di volatilità che ha caratterizzato il titolo nell'ultimo periodo, un eventuale test del precedente livello di resistenza statica a 0,2715 euro potrebbe costituire un buon segnale per implementare una strategia long e sfruttare nuovi possibili allunghi. Con stop che scatterebbe sotto gli 0,23 euro un primo target è individuabile in area 0,32 e un secondo a 0,35 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA