1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Mps regina degli acquisti, denaro anche su Capitalia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

All’interno dell’indice S&P/Mib40 di Piazza Affari, in questa giornata di mercoledì, hanno prevalso i titoli in flessione. I cali più decisi sono stati targati Unicredito Italiano, Rcs MediaGroup, Pirelli & C., Seat Pagine Gialle e Telecom Italia. A pesare nel corso della sessione sull’azione del gruppo telefonico made in Italy sono state le notizie arrivate dall’Authority, che ha varato il provvedimento sul taglio delle tariffe di terminazione, che scatterà dal primo settembre 2005 fino al primo gennaio 2006. A gennaio il provvedimento dovrà essere rinnovato ed integrato con ulteriori riduzioni fino al 2007. La manovra prevede un taglio del 20% della tariffa massima, da 14,95 centesimi a 12,10 centesimi al minuto, per Tim e Vodafone. Per i clienti Telecom Italia l’Authority ha stimato un risparmio di 150 milioni di euro. Per contro, chiusura con il sorriso sulle labbra per Capitalia e per Mps (+4,66%), che si è aggiudicata lo scettro di migliore blue chip della giornata. Secondo indiscrezioni, dopo le ingenti plusvalenze incassate dopo la cessione della quota di Bnl a Unipol, gli immobiliaristi avrebbero messo gli occhi sulle due banche, che potrebbero quindi essere le loro prossime prede. Bene anche Saipem, nel giorno in cui Goldman sachs ha espresso il giudizio “in-line” sul titolo, mentre Eni ha terminato con l’abito rosso.