Mps: Baldassarri dai pm senesi. Tesoro possibile azionista già entro un anno

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 21/02/2013 - 11:45
Giorno caldo quello di oggi per Monte dei Paschi. Sarebbe iniziato da poco l'interrogatorio dei pm di Siena a Gianluca Baldassarri, l'ex responsabile dell'area Finanza di Rocca Salimbeni in carcere da giovedì scorso a San Vittore a Milano per pericolo di fuga e di inquinamento probatorio. Baldassarri è accusato di associazione per delinquere, truffa e ostacolo all'attività degli organi di vigilanza nell'ambito dell'inchiesta su Mps. Notizie poi si attendono dal Tar del Lazio che oggi dovrà prendere una decisione sul ricorso presentato dal Codacons sul via libera ai 3,9 miliardi di euro di Monti bond all'istituto senese.

Non solo. Secondo quanto riportato da La Repubblica, la Commissione europea avrebbe chiesto una correzione al decreto sui Monti bond da circa quattro miliardi di euro. Correzione, scrive il quotidiano, carica di effetti perchè potrebbe rendere il Tesoro azionista a Siena già tra un anno. La modifica riguarderebbe in particolare gli interessi: solo quelli maturati al 31 dicembre 2012 saranno regolabili con altri bond, mentre da quest'anno Mps dovrà corrispondere il tasso (9%) in contanti, e se non bastano aggiungere azioni. La prima emissione entro il 1° marzo, prosegue il giornale, sarà pari a 3,9 miliardi cui seguiranno dopo l'ok al bilancio 2012 (rosso previsto 2 miliardi) 171 milioni di altri bond per le cedole su 1,9 miliardi di 'Tremonti bond' in essere. Nella primavera del 2014 i 400 milioni di interessi andranno pagati in denaro vero: e molti ritengono che la banca dovrà accogliere il Tesoro nel capitale perchè, sottolinea Repubblica, è improbabile che Mps guadagni quest'anno 400 milioni.
COMMENTA LA NOTIZIA