Mps: accordo con Cr Asti su cessione Biverbanca

Inviato da Flavia Scarano il Lun, 01/10/2012 - 17:30
Il Cda di Banca Cr Asti ha deliberato di accettare la proposta di modifica ed integrazioni al contratto di compravendita stipulato con Banca Monte dei Paschi di Siena lo scorso 26 giugno, avente ad oggetto il trasferimento a Banca Cr Asti del 60,42% del capitale sociale di Biverbanca. Ad esito di tale accettazione, si legge in un comunicato congiunto tra i due istituti, "le parti hanno stipulato un Addendum al contratto che sostanzialmente prevede la rinuncia da parte della banca senese a procedere con la scissione originariamente convenuta della partecipazione detenuta da Biverbanca in Banca d'Italia a fronte di un'integrazione del prezzo di compravendita (che non potrà eccedere l'ammontare massimo di 100 milioni di euro) da pagarsi condizionatamente al verificarsi entro il decimo anniversario dalla data del closing di determinati eventi di natura legislativa e/o regolamentare che consentano un incremento del valore di detta partecipazione in Banca d'Italia rispetto al valore di carico e ne permettano la computabilità ai fini del calcolo dei requisiti patrimoniali di vigilanza". "Contestualmente - prosegue la nota - Banca Cr Asti ha accettato di rinunciare a termini temporali che erano stati originariamente previsti in merito a detta operazione. E' prevista anche l'eventualità che l'integrazione prezzo possa essere sostituita dal trasferimento, di quote di Banca d'Italia, al verificarsi alla data del terzo anniversario del closing di determinati presupposti".
COMMENTA LA NOTIZIA