1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Morgan Stanley alza le stime di prezzo del petrolio e il target di Eni

QUOTAZIONI Eni
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il rush del petrolio sui mercati delle materie prime sta facendo cambiare idea a molte case d’affari. Oggi è il turno di Morgan Stanley, i cui analisti hanno deciso di alzare le previsioni di prezzo per il greggio Wti per il 2005 e il 2006, portandole a 50 dollari al barile (48 per il Brent), e per il 2007, portandole a 45 dollari al barile (43 per il Brent). Ritoccata al rialzo anche l’ipotesi di prezzo di lungo termine per l’oro nero, salita a 40 dollari per il Wti e a 38 per il Brent. Il tutto ha portato il broker ad avere una view “attractive” (“in-line” la precedente) sul settore “oil” europeo. Non solo, ma secondo gli analisti il comparto sta per affrontare cambiamenti strutturali profondi e simili a quelli del periodo 1999-2001, quando il settore era stato animato da una serie di fusioni e acquisizioni. Gli esperti di Morgan Stanley stimano che nel 2006 l’industria europea dell’oil dovrebbe assistere a un incremento dei rendimenti cash. Le top pick della casa d’affari sono RD/Shell, Repsol, Statoil e Hydro. In particolare, la raccomandazione su Statoil è salita da “equal-weight” a “overweight”. Il consiglio sull’italiana Eni è rimasto invece “underweight”, mentre è stato ritoccato al rialzo il target price, da 19,7 a 22 euro. Alzato anche il prezzo obiettivo dell’altra italiana, Saipem, e portato da 10,5 a 11,2 euro.