1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Moody’s promuove la Turchia, Lira ritrova vigore

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Toccata e fuga dai minimi a quasi un anno per la lira turca. La divisa turca, dopo la discesa di ieri a seguito del taglio del costo del denaro da parte della banca centrale, ha ripreso vigore sulla notizia della promozione a investment grade da parte di Moody’s. Il cross dollaro/lira è sceso oggi fino a 1,8223 dagli 1,8379 toccati ieri e che rappresentano i massimi dal giugno scorso.

Moody’s ha alzato il merito di credito di un gradino portandolo a Baa3 dal precedente Ba1 con outlook stabile. Moody Investors Services ha motivato la decisione alla luce dei miglioramenti economici recenti e prospettici, con il governo che ha ridotto il suo debito e deficit delle partite correnti. “I progressi sulle riforme strutturali e istituzionali – rimarca la nota di ieri sera di Moody’s – dovrebbero permettere al paese di ridurre la vulnerabilità a shock esterni”. Lo scorso novembre la Turchia aveva incassato la prima promozione a investment grade da parte di Fitch. Forte reazione anche sul mercato obbligazionario con il rendimento del bond biennale sceso oggi fino al 4,64%, il nuovo minimo storico.

Ieri la lira turca era scesa con decisione dopo il taglio del costo del denaro da parte della Banca centrale. Il repo rate a una settimana è stato portato dal 5 al 4,5%. Ritoccato al ribasso anche il cosiddetto corridoio dei tassi passato a 3,5-6,5%, 50 punti base in meno sia per l’estremo superiore che per quello inferiore.